TENAX logo Sito web Italia
cambia
 
  International web site Sito web Italia Geosintetici Stabilizzazione GEOGRIGLIE TRIDIMENSIONALI TENAX 3D GRIDS  
 
Geogrid 3D Grids for roads applications Geogriglie 3D Grids per la stabilizzazione dei sottofondi stradali Géogrille 3D Grids pour la stabilisation des sous-couches routières ТРЕХМЕРНОЕ ИЗМЕРЕНИЕ ИМЕЕТ ОТЛИЧИЕ
mappa contatti
 
  Stabilizzazione  

Geogriglie tridimensionali TENAX 3D GRIDS

Geogriglie TENAX 3D Grid XL per il rinforzo di terreni con materiali granulari di grossa pezzatura

 

rinforzo di terreno con geogriglia TENAX 3D Grid XL

 

TENAX 3D GRIDS XL

Geogriglie caratterizzate da dimensioni rilevanti in tutte le tre direzioni principali. Le nervature particolarmente spesse e a sezione concava consentono, in combinazione con la dimensione delle aperture della geogriglia stessa di 60x55 mm, un’interazione ottimale con i materiali granulari di grossa pezzatura.


 

Geogriglie TENAX 3D grid S per il rinforzo di terreni di medio-piccola pezzatura

 

rinforzo strada con geogriglia TENAX 3D Grid S

 

TENAX 3D GRIDS S

Queste geogriglie si prediligono per il rinforzo di terreni di medio-piccola pezzatura essendo caratterizzate da apertura della geogriglia stessa di 30x30 mm.


 

Geogriglia TENAX 3D grid MS per il rinforzo di terreni fini e meno addensati, limi, argille sabbie

 

rinforzo strada con terreno fine, utilizzando le geogriglie tridimensionali TENAX 3D Grid MS

 

TENAX 3D GRIDS MS

Geogriglie sviluppate appositamente per essere utilizzate in presenza di terreni fini e meno addensati (limi, argille, sabbie); sono costituite da una struttura multistrato ad effetto ragnatela atta a formare una fitta rete di giunzioni multiple in grado di assicurare un’elevata interazione con terreni appunto di granulometria fine.

TENAX 3D GRIDS

 

OGNI APPLICAZIONE HA IL SUO RINFORZO

 

I geosintetici sono riconosciuti universalmente come una tecnologia estremamente efficace e conveniente per convertire superfici con bassa capacità portante in aree idonee ad essere utilizzate per diversi scopi che ne richiedono il sovraccarico.

 

Il concetto di base è che la combinazione geosintetico di rinforzo a giunzione integrale e materiale di riempimento dia origine ad un materiale composito molto più performante dal punto di vista delle prestazioni meccaniche e consente inoltre un complessivo risparmio economico anche grazie alla possibilità di impiegare materiale di riempimento presente in loco e che frequentemente non risulta idoneo alla realizzazione di opere ingegneristiche.

 

Anche l’aumento dei costi di conferimento in discarica del materiale di scavo non qualificato nonché l’approvvigionamento di inerti pregiati di cava uniti ad una crescente sensibilità ambientale, hanno fatto sì che l’utilizzo dei geosintetici di rinforzo sia stato man mano sempre più diffuso.

 

L’impiego di geogriglie bi-orientate e a giunzione integrale TENAX permette appunto di realizzare opere con costi e tempi inferiori e con ridotto impatto ambientale consentendo di:

  • limitare la profondità degli scavi di sbancamento anche del 40%
  • contenere l’impiego di materiali di riempimento più “nobili” (es. frantumati di cava)
  • ridurre la dislocazione di materiali di sbancamento da conferire in discarica
  • raggiungere agevolmente la località di cantiere con minor numero di autotreni rispetto a quanti ne servirebbero per trasportare materiali inerti molto più pesanti e voluminosi.

Un po' di teoria

Lo stato di deformazione piana in ingegneria geotecnica rappresenta la condizione caratteristica di strutture di fondazione lineari, di muri di contenimento ed in generale di tutte le opere in cui l’estensione delle stesse sia decisamente maggiore in una delle direzioni principali (solitamente la direzione longitudinale).

 

In tale condizione, lo stato di deformazione lungo tale direzione è pressoché nullo e la sollecitazione è molto limitata, mentre la sollecitazione diretta nella direzione dei due lati con minore estensione (trasversale e verticale) è maggiore.

 

Questo tipo di geometria è molto comune nelle opere di ingegneria civile e rappresenta bene il caso delle infrastrutture stradali dove i carichi sono distribuiti attraverso una geometria lineare e canalizzata, da sempre responsabile delle classiche ormaie longitudinali.

 

Le geogriglie tradizionali, piane e caratterizzate da un comportamento ortotropo (diretto lungo due direzioni ortogonali) o addirittura perfettamente isotropo, non sono perciò necessariamente utili in quanto di fatto forniscono la stessa resistenza nella direzione perpendicolare all’infrastruttura ed in quella parallela alla stessa, lungo la quale la necessità di rinforzo è minore.

 

Quindi l’utilizzo in questi casi di simili geogriglie non è efficace e paradossalmente rappresenta uno spreco di risorse.

 

disegno strada deformazione manto stradale

 

 

 

UNA SPECIALE 3D GRID PER OGNI SUOLO

 

Mettendo a confronto i cunei di resistenza passiva sviluppati da una geogriglia TENAX 3D Grid con quelli sviluppati da una geogriglia tradizionale, si evidenzia come le speciali ed accentuate nervature che formano la “costolatura verticale” delle geogriglie TENAX 3D Grids nonché la struttura multilayer delle TENAX 3D Grids MS, agiscano su una più ampia sezione del sottofondo, sviluppando in modo più efficace un maggior confinamento di spessori di terreno.

 

 

Cunei di resistenza passiva
in corrispondenza delle nervature

interlocking ottimizzato delle griglie tridimensionali, composito geogriglia-suolo

le nervature che formano la costolatura verticale delle geogriglie TENAX 3D Grids agiscono su una più ampia sezione del sottofondo

 

 

 

 

Geogriglie TENAX 3D GRIDS - Test


click to view the chart Test di Pull-out

Università di Reggio Calabria - Italia


click to view the chart Verifica delle prestazioni sotto carichi ciclici monodirezionali
Università del Tennessee - Dip. di Scienze dei Trasporti

 

geogriglie tridimensionali per il rinforzo e la stabilizzazione del terreno in applicazioni stradali

 

 

La 3A Dimensione fa la differenza

 

geogriglia tridimensionale per la stabilizzazione di sottofondi stradali

 

 

LA GEOGRIGLIA IDEALE

 

In condizioni che realmente possano essere considerate di deformazione piana, la geogriglia di rinforzo “ideale” è quella in grado di:

  • trasmettere sforzi in direzione orizzontale e perpendicolare allo sviluppo longitudinale dell’infrastruttura
  • consentire un elevato confinamento laterale in grado di interessare una più ampia sezione di terreno così da creare un vero e proprio “composito geogriglia-suolo”.

TENAX 3D Grids sono per l’appunto geogriglie sviluppate appositamente per consentire una maggiore stabilizzazione superando anche quelle già eccellenti delle tradizionali geogriglie estruse di rinforzo a giunzione integrale TENAX.

 

Oltre alle elevate caratteristiche meccaniche offerte dalla tradizionale gamma, le geogriglie TENAX 3D Grids sono state studiate per poter ottenere un elevato confinamento laterale: il risultato è un nuovo rivoluzionario sistema di geogriglie capace di agire su una più ampia sezione di terreno così da creare un vero e proprio “composito griglia/suolo”.

 

 

 

Interlocking ottimizzato

 

Quando gli inerti vengono stesi e compattati al di sopra delle geogriglie di rinforzo, parte dei singoli granuli di terreno compenetrano nelle aperture della griglia stessa e vi rimangono ”intrappolati” creando un efficace e saldo incastro lungo il piano della geogriglia.

 

Il meccanismo di incastro è fondamentale per caratterizzare il comportamento del geosintetico di rinforzo considerato: questo “vincolo” evidentemente esclusivo e caratteristico di una geogriglia di rinforzo e non di un geotessile, consente di contrastare in modo efficace i movimenti laterali dell’inerte aumentando considerevolmente le prestazioni della pavimentazione stradale assicurando un elevato controllo dei cedimenti e la conseguente formazione di solchi ed ormaie.

 

Partendo da questo principio lo staff di Ricerca & Sviluppo del Gruppo TENAX ha sviluppato un’innovativa gamma di geogriglie estruse a giunzione integrale tridimensionali che puntano sull’ottimizzazione dell’interlocking, ovvero dell’incastro tra il materiale di riempimento e la geogriglia di rinforzo sviluppandolo anche nella direzione ortogonale al piano.

 

 

Geogriglie TENAX 3D GRIDS - Schede tecniche

 

Geogriglie TENAX 3D Grid MS

Geogriglie TENAX 3D Grid S

Geogriglie TENAX 3D Grid XL

 

 

 

Geogriglie TENAX 3D GRIDS - Applicazioni

 

Strade pavimentate e sterrate

Ferrovie e piste di aeroporti

Carichi permanenti e semi-permanenti su grandi aree

Fondazioni superficiali di strutture

Fondazioni di rilevati, argini e dighe in terra

 

 

geogriglie tridimensionali TENAX 3D grids per applicazioni stradali

Brochure
TENAX 3D Grids per applicazioni stradali

 
TENAX SPA
, Via dell'Industria 3, I-23897 Viganò (LC) - Tel. +39 039 9219307 - Fax +39 039 9219200


© 1995-2016 Tutti i diritti riservati