TENAX logo Sito web Italia
cambia
 
  International web site Sito web Italia Geosintetici Controllo erosione Case histories Controllo Erosione  
 
surface stabilization and vegetation stabilizzazione e inderbimento di terrapieno estabilizacion y vegetacion de un talud
mappa contatti
 
  Controllo erosione  

Stabilizzazione e inerbimento di un terrapieno artificiale lungo 35m nell'ingresso del Centro Acquatico dei Giochi Olimpici 2000, Sydney, Australia

 

 

 

 

 

 

 

 

Stabilizzazione e inerbimento di un terrapieno artificiale

 

PRODOTTI:

Geocelle TENAX TENWEB

 

Località:

 

Olympic 2000 complex, Sydney
Cliente: Civil & Civic
Progettista: Belt Collins Australia Landscape Architects
Impresa: Paramount Landscape

 

 

Problema
Un imponente tunnel ricavato sotto un terrapieno rinforzato: è l'ingresso del Centro Acquatico che ha ospitato le gare di nuoto e di tuffi dei giochi Olimpici del 2000 a Sydney, Australia.
Il terrapieno costituisce la caratteristica strutturale e architettonica dell'ingresso e come tale richiede particolare attenzione anche da un punto di vista estetico.

Essendo costruito con scisto compattato rinforzato con geogriglie in grado di soddisfare i requisiti strutturali, la difficoltà stava nel trovare e posare un terreno di riempimento su entrambe le facce del terrapieno in modo da soddisfare anche le esigenze ambientali ed estetiche.


Soluzione

Criteri di costo ed efficacia hanno determinato la scelta delle geocelle TENAX TENWEB 3/300 in base a risultati di prove in situ che hanno simulato pioggia e ruscellamento superficiale.

Il progetto redatto dagli ingegneri TENAX ha permesso di ottenere una soddisfacente tecnica di installazione, che include, oltre alle specifiche dei picchetti, anche la spaziatura necessaria a compensare la mancanza di ancoraggio dovuta alla geometria del pendio.

 

Dove la lunghezza del pendio era superiore ai 10 m (uguale alla lunghezza di un pannello di geocelle), i pannelli consecutivi sono stati fissati con continuità (un picchetto ogni cella) estremità contro estremità così da permettere una rapida posa in opera cominciando dall'alto della facciata del terrapieno. Una volta in opera, e avendo fissato anche i lati perimetrali, le celle interne venivano picchettate utilizzando picchetti di acciaio galvanizzato con diametro di 12 mm.
La quantità di TENAX TENWEB 3/300 utilizzata è stata di 9000m².

A causa dello spazio ristretto in cima al terrapieno, le operazioni di riempimento sono cominciate tutte dal basso. Per riempire le alzate superiori del pendio è stato necessario l'utilizzo di una gru e di un elevatore.

 

geocelle riempite con terreno per la stabilizzazione superficiale e il rinverdimento di pendii aridi

 

geocelle riempite con terreno

 

Geocelle riempite di terreno e coperte di geojuta per facilitare l'inerbimento

Geocelle riempite di terreno e coperte di geojuta per facilitare l'inerbimento

 

 

 

Conclusioni
L'ottima riuscita della posa in opera e la conseguente efficacia del sistema, hanno dimostrato che le geocelle TENAX TENWEB costituiscono il metodo migliore per la stabilizzazione superficiale e il rinverdimento di pendii aridi.
La posa in opera ha inoltre fissato dei termini di valutazione di riferimento ad un pendio di 35 m di lunghezza senza l'utilizzo di ancoraggi e trincee.

 

 

 

 

 

Applicazioni:

Scarpate a matrice arida e rocciosa

 

 
TENAX SPA
, Via dell'Industria 3, I-23897 Viganò (LC) - Tel. +39 039 9219307 - Fax +39 039 9219200


© 1995-2015 Tutti i diritti riservati